,

Valenza Jazz 2016: 11 novembre 2016 From Carnagie hall to

concerto-sportiello-2016-premio
“L’arte dell’improvvisazione attraverso le più belle composizioni dei grandi protagonisti del Jazz Classico Americano”

 
da Fats Waller a Duke Elligton, da George Gershwin a Cole Porter ed oltre….

 
questo è il formidabile programma che ROSSANO  SPORTIELLO,                              presenterà venerdì 11 novembre 2016    al Teatro Sociale di Valenza,    in un concerto che si preannuncia decisamente elettrizzante,        poichè è doveroso sottolineare che SPORTIELLO  è,  come è stato definito dal leggendario Barry Harris,  “il miglior  pianista stride che io abbia mai sentito”.
 
Lo Stride Piano, noto anche come Harlem Stride Piano, è uno stile pianistico che nasce dalla mescolanza del Blues di New Orleans con il Ragtime, ed è la caratteristica principale della musica suonata ad Harlem negli anni ’20. 
 
Sportiello, eccelso pianista dagli studi classici, è acclamato in America, continuamente richiesto nei più importanti clubs americani, ed in tutti i festival internazionali, e le standing ovations ai suoi concerti sono frequenti, egli riesce a creare una atmosfera magica totalmente in acustico, che trascina l’ascoltatore emozionandolo fino al punto di farlo immaginare di stare seduto accanto ai grandi pianisti sopra citati.
 
Ed è con immenso piacere che l’Associazione Amici del JAZZ di Valenza è riuscita ad organizzare un suo concerto, unica data in Italia, dopo averlo ascoltato nel 2015, per accontentare le numerosissime richieste del nostro pubblico, che ha voluto fortemente il suo ritorno., in questa occasione sarà in trio con due formidabili partners,il batterista Stefano Bagnoli ed il contrabbassista Aldo Zunino.
Questo concerto, che chiude la stagione 2016, sarà anche l’occasione per conferire a Sportiello  il “Premio Valenza Jazz 2016”,  che è arrivato alla quinta edizione e che ha avuto vincitori nelle passate edizioni il pianista Dado Moroni, i trombettisti Fabrizio Bosso, Paolo Fresu,  ed il vocalist Gegè Telesforo.
,

18 novembre via Baltea 3: Il viaggiatore col Sax – Workshop a cura di Gianni Denitto

Self management da viaggio.

Venerdì 18 Novembre dalle 18.00 alle 20.00 – Via Baltea 3

“L’obiettivo del workshop è di trasmettere la mia recente esperienza di artista viaggiatore ai partecipanti in modo da offrire spunti di riflessione e metodi di self management all’estero.
Negli ultimi 3 anni ho viaggiato e costruito una rete di contatti in India, Cina, Mozambico, Sud Africa, Senegal, Australia, Nepal e molte altre realtà internazionali.
Un lungo viaggio interrotto solo da brevi rientri a Torino per ricaricare le pile.
Ogni esperienza all’estero, ogni residenza ha portato guadagno in termini economici e in termini di crescita personale.
Il tutto da solo, partendo e girando. Con una buona pianificazione di base, ma anche molta improvvisazione”.

Gianni Denitto

Il workshop tratterà i seguenti argomenti:

• organizzare una tournée all’estero
• ricerca sponsor e festival
• diplomazia da viaggio
• appunti di viaggio
• question and answer
• problem solving

Il workshop si terrà in Via Baltea 3, Torino.

Per poter partecipare è necessario iscriversi.

Per iscrizioni e maggiori dettagli info@jazzschooltorino.it
Costo d’iscrizione 15 euro.

Qui Jazz 27 ottobre 2016

ajaxmail

,

Domenica 30 Ottobre Liane Carrol Trio al Biella Jazz Club

Grandissimo evento speciale domenica 30 ottobre al Biella Jazz Club alle ore 21,30 Liane Carroll Trio con Roger Carey al basso elettrico e Enzo Zirilli alla batteria.
Liane Carroll, straordinaria cantante e pianista e’ un pilastro della scena Jazz/Soul britannica ed internazionale da piu’ di 25 anni.
Nata a Londra, ha iniziato la sua carriera a 15 anni ed ha nella versatilita’ e nella grande capacita’  interpretativa delle canzoni del songbook americano quanto quelle del repertorio pop, le sue caratteristiche piu’ importanti, sempre arricchite da un grande impatto empatico con il pubblico.
Ha collaborato, tra gli altri, con Sir Paul McCartney ed ha ricevuto innumerevoli premi in Gran Bretagna. tra I quali: vocalist of the year 2005/2008/2012/2013/2016 per la BBC e Jazz FM Radio e Best Album of the year 2012 in UK.
Il concerto del Jazz Club di Biella si colloca all’interno della rassegna Radio Londra che il batterista Enzo Zirilli, ormai inglese d’adozione (vive a Londra da 12 anni), ha ideato 7 anni fa al Folk Club Torino, con l’intento di trasferire, per una volta al mese, la vibrante scena londinese nella sua citta’ natale. Con lui alla batteria e Liane Carroll alla voce e piano, Roger Carey al basso elettrico. Un concerto unico ed imperdibile.
,

Programma Jazz Club Torino

Sabato 29 ottobre: FRUBERS IN THE SKY

Orario: 21,30 – 23

Con Silvia Carabotti, Max Carletti, Stefano Profeta e Paolo Franciscone.

A partire dalla fine del concerto alle 23,15 e fino alle 2,30, come tutti i sabati, SATURDAY JAZZ FEVER w/MORCIANO DjSet.

Domenica 30 ottobre: MILONGA

Dopo il successo della serata inaugurale, rieccoci con il secondo appuntamento dedicato al tango!
L’appuntamento, imperdibile, verrà ripetuto una domenica al mese

Ore 16.00 Stage con Lucia Conde y Gonzalo Risso

Ore 17,15 Milonga fino a mezzanotte

DJ Gonzalo Risso / Paola Pia Tango Dj

Intervento LIVE di Umberto De Marchi (pianoforte e fisarmonica)

Esposizione Abiti LeYLa e Entonces tango shoes

Ingresso: 8 euro (compresa prima consumazione non alcolica o birra)

Mercoledì 2 novembre: JAM SESSION NIGHT: TONY MATCH TRIO

Orario: 21,30 – 23

Piano: SERGIO DI GENNARO

Contrabbasso: MARCO PICCIRILLO

Batteria: TONY MATCH

Tony Match e’ un batterista, produttore e direttore musicale francese. Per oltre vent’ anni ha lavorato con i più importanti musicisti del mondo del jazz classico, sia come produttore e direttore musicale, sia come musicista . Da Fred Wesley, Pee Wee Ellis, Paul Jackson the Headhunter, Richard Galliano to Rick Margitza, Tony é sempre stato coinvolto in progetti che godono della partecipazione di icone classiche del jazz, soul e del funk. Tra questi Kurt Elling, Wynton Marsalis, Charlie Haden, Ernie Watts and Gonzalo Rubalcaba. Ha anche condiviso il palcoscenico con Omar, Vanessa Haynes (Incognito) Randy Brecker,Lionel Loueke, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso, Danilo Rea, Jeremy Pelt, Ulf Wakenius. Ha composto al fianco di Flora Purim, Mozez (Zero7), solo per citarne alcuni, e si è inoltre occupato della produzione e del mixaggio di centinaia di tracce per grandi majors ed etichette indipendenti, inclusi album classici come quelli della Deutsche Grammophon, della Universal e recentemente della P-VINE RECORDS, in Giappone.

Giovedì 3 novembre: JCT BIG BAND

Orario: 21,30 – 23

La big band, diretta da Valerio Signetto, docente di clarinetto e musica jazz al Conservatorio Giuseppe Verdi di Torino, e nata come studio, è la band ufficiale del Jazz Club Torino, punto di riferimento dei giovani musicisti della città. Formata nell’ambito del progetto “Musiche dal vivo nelle Alpi Latine”, nel 2013 prende il nome di JcT big band. La direzione dell’ensemble è affidata a Valerio Signetto. Il programma presenta un excursus cronologico della letteratura sviluppata nel Novecento per le formazioni di questo tipo, dagli anni 30 fino ad oggi, toccando vari generi musicali, dallo swing, al jazz, ai ritmi sudamericani, alla rielaborazione di temi noti alla maggior parte del pubblico e proponendo così sia il repertorio originale, sia arrangiamenti per la big band.

,

Martedì 25 Ottobre al Biella Jazz Club: Tiziana Cappellino Quartet

Un gradito ritorno al Jazz Club martedì 25 ottobre, alle ore 21,30, Tiziana Cappellino bravissima cantante/pianista piemontese.
Tiziana Capellino Pianoforte e Voce,
Gigi Di Gregorio Sax Tenore e Soprano,
Simone Monnanni Contrabbasso e
Riccardo Zegna Batteria
Il repertorio è un omaggio ai grandi e indimenticabili compositori che hanno fatto la storia del Jazz e per l’ occasione verranno presentati alcuni brani dell’ album “ Colors in Mainstream “ del duo Cappellino/Di Gregorio con una ritmica d’ eccezione, il contrabbassista Simone Monnanni e Riccardo Zegna, uno dei più importanti jazzisti  del panorama nazionale, noto come pianista compositore che suonerà in questa occasione la batteria.
A proposito del duo Cappellino/Di Gregorio:
Un notevole interplay del duo ed una evidente sensibilità musicale sono le considerazioni della critica specializzata. Questo lavoro ha aperto al duo Cappellino/Di Gregorio , già conosciuti singolarmente, una nuova strada musicale attraverso importanti esibizioni nei Jazz Club italiani e in numerosi festival internazionali.TIZIANA CAPPELLINOLaureata in Jazz, Conservatorio “G. Verdi” di Torino. Ha studiato con Furio di Castri, Giampaolo Casati, Aldo Rindone Emanuele Cisi e Dado Moroni. workshop:
Siena Jazz, Dick Halligan, Barry Harris, Dave Liebman, Parco Stickney, Cleveland Watkiss, Liane Carroll, Harold Danko, Wally Salio. Dal 2009 ha suonato con musicisti professionisti in  l’Italia e in’Europa. Insegna presso la Scuola Comunale di Musica “P. Canonica” di Moncalieri e  l’ Isituto Arcote di Torino .

GIGI DI GREGORIO

Ha partecipato a Kermesse , Rassegne e Jazz festival internazionali, tra cui Music China a Shanghai, l’ Eurojazz di Ivrea, Jazz Festival Borja, Spagna, Monaco Jazz Chorus, Jazz Italiano a Antibes, Mercedes Jazz Festival, Ventimiglia Jazz’06, il Due Laghi Jazz Festival di Avigliana, Moncalieri Jazz Notte Nera, Monte Carlo Jazz Festival, Mosca musica Kermesse, Jazz festival di Torino  e molti altri … E’ endorser Sassofoni Lupifaro Phaselus  e ha suonato  in Big Band che hanno ospitato musicisti come Lee Konitz, Enrico Rava, Gianni Basso. Collabora stabilmente con  Harold Danko con cui ha esrodito con il Live al JCT 2013, l’ album è stato segnalato al Ballots Jazz Pool Usa del 2013.

Molte le recensioni sulla band da parte di importanti giornalisti specializzati.

“….i temi, il groove, l’improvvisazione, l’interplay, il lavoro sugli standard o su brani loro con una brillantezza espressiva ragguardevole.”
Guido Michelone”… è la sensibilità a fare da filo conduttore; la musica può emergere così, come il colore in un dipinto, in modo splendente o soffuso, dando vita ad atmosfere coinvolgenti ed evocative …”
Gian Nissola”Se questa fosse una recensione inviterei gli acquirenti a predisporre un ascolto consono: luci soffuse, poltrona comoda, vino da meditazione …..”
Franco Bergoglio

Qui Jazz 13 ottobre 2016

ajaxmail

,

Fino al 5/11 Torna Jazz&Co. Milleunanota Jazz Fest

unspecified

 

 

 

 

 


Prevendita dei biglietti al via venerdì 30 settembre Ospiti internazionali

Da Europa, Stati Uniti e Hong Kong

Dal 14 ottobre al 5 novembre torna la rassegna dedicata al jazz indipendente e di ricerca Jazz&Co. nella bellissima chiesa di San Giuseppe in via Vernazza 6 ad Alba. Confermata la formula del biglietto a 5€ con entrata gratis per i bambini e ragazzi al di sotto dei 14 anni di età: un occhio di riguardo per giovani e studenti della scuola di musica moderna e jazz Milleunanota. La rassegna dell’autunno albese vedrà l’avvicendarsi di artisti da tutto il mondo: Germania, Finlandia, Italia, Stati Uniti e Asia.

“Con questa edizione Jazz&Co vuole creare un intervento culturale che miri a creare una condivisione e scambio di culture tra la nostra comunità e il territorio europeo ed extraeuropee in modo da dare la possibilità ai giovani interessati al mondo della musica improvvisata di confrontarsi con le nuove influenze e culture europee e non solo. Creeremo così un evento che interesserà principalmente la comunità piemontese in dialogo da sempre con l’europa ma anche con altre zone d’Italia patrimonio Unesco come le Dolomiti, per vocazione, cultura e storia. Allestiremo contestualmente ai concerti, seminari e conferenze di dibattito. Numerosi saranno gli artisti locali impegnati in condivisione appunto con gli artisti invitati a partecipare. Ci poniamo come obiettivo in questa edizione il dialogo e al ruolo che il nostro territorio patrimonio dell’umanità dovrà avere nella formazione della cultura musicale locale in dialogo e osservanza dei principali filoni europei ed extra-europei in voga oggi. In generale miriamo a creare inclusione sociale diffusa, spiega il direttore artistico Filippo Cosentino.

Programma

14 ottobre 

Andrea Marcelli – Ekkehard Wölk 

Classical cinema: musiche da film di Nino Rota, Henri Mancini, Ennio Morricone

Andrea Marcelli batteria

Ekkehard Wölk pianoforte

I due affermati musicisti residenti a Berlino eseguiranno le musiche scritte da Nino Rota, Henri Mancini, Ennio Morricone e che hanno fatto da colonna sonora in film di Fellini, Leone e non solo. Una bellissima serata nella quale il jazz incontra le grandi colonne sonore arrangiate magistralmente dal duo guidato da Andrea Marcelli, un viaggio nelle musiche del ‘900 attraversando le epoche, stili e linguaggi tra classica, jazz e molto altro.

21 ottobre

Enrico Merlin 

A beautiful mind: a kind of…guitar solo

Enrico Merlin chitarra ed effetti

Considerato il più grande esperto delle vita, opere e  linguaggio di Miles Davis, Enrico ci guiderà con il suo bellissimo e stravagante concerto in chitarra sola in un mondo fatto di immagini, suggestioni sonore, echi, riverberi. Un concerto unico, imperdibile!

28 ottobre

Chi Ho Choi project 

Jazz between Hong Kong and USA

Se vi siete mai chiesti se il jazz sia oggi una musica universale, la risposta è sicuramente di sì. Affascinanti accostamenti fra musica popolare, folklore e influenze del mondo musicale americano confluiscono nel fraseggio di questo artista nativo di Hong Kong ma americano d’adozione.

5 novembre

Italy meets Finland

Karri Luhtala pianoforte

Filippo Cosentino chitarre

Ritorna in Italia il progetto che vede protagonisti i due talentuosi musicisti che creano un ponte fra il Nord e il Sud dell’Europa. Nel fraseggio di Luhtala si possono ben identificare gli spazi e la natura che affolla il suolo finlandese, caratteristiche queste che ben si sposano alla chitarra di Filippo Cosentino, considerato tra i principali chitarristi e compositori della propria generazione ed anche recentemente segnalato tra i  novanta autori/compositori più interessanti nel quinquennio 2010-2015 dal prestigioso web magazine JazzConvention.  Italy meets Finland non è solo quindi un incontro tra musicisti, musiche e stili ma è anche un incontro tra culture, uno sprone a conoscere altri mondi e a metteresi in gioco per creare qualcosa di suggestivo ed unico!

-> N.B.: Questo concerto è inserito nel circuito Vie del Jazz patrocinato da Piemonte dal Vivo e dal Consorzio Piemonte Jazz

Orari e prevendite

Tutti i concerti si terranno alle 20.45 nella chiesa di San Giuseppe in via Vernazza 6. Prevendite a partire da venerdì 30 settembre presso: Milleunanota via P.Belli 12/C (info tel. 3347867028 – email: milleunanota.alba@libero.it) ; Ente Turismo P.za Risorgimento 2 tel 0173 35833.

Il sito è www.jazzandcoalba.com e siamo anche sui social!

La nuova grafica è di Marisa Verney.

Partner

Fondazione CRC

Consorzio Piemonte Jazz

Grappa Marolo

Italy With Style

Apro

Apro Bottega

Apro Fashion

Si ringrazia inoltre il ristorante L’inedito Vigin Mudest

,

Biella Jazz Club Domenica 16 Ottobre ore 21,30 Natalya Skvortsova

 

 

 

 

Domenica 16 ottobre il primo grande appuntamento degli”Eventi Speciali”
del Biella Jazz Club, sale sul palco di Palazzo Ferrero la pianista
russa Natalya Skvortsova accompagnata dal trio Jacopo Albini al sax
tenore, Marco Piccirillo al contrabbasso e il biellese Andrea Beccaro
alla batteria.
Dice di lei Rolling Stones Magazine “Natalya Skvortsova è una pianista
jazz, esperta compositrice, arrangiatrice, docente, leader del
collettivo “Live People Ensemble” e esponente di spicco del Nuovo Jazz
Russo.”
Nata a Mosca nel 1974, Natalya Skvortsova si è laureata all’Università
Statale di Mosca per le Arti e la Cultura. E’ fondatrice, membro,
autrice e co-autrice dei progetti Live People Ensemble, Post-Jazz Trio,
Fusion Port, Beyond the Horizons e InNa. Ha collaborato con Emanuele
Cisi, Accordi Disaccordi, Andrea Beccaro, Asketics, Dmitry Mospan, Mir
Station, Mike Ellis, C.L.O.N.E., Sergey Manukyan e molti altri. Appare
regolarmente a festival come Saulkrasti Jazz, Usadba Jazz, Jazz
Koktebel, Leo Records, Radio 1jazz.ru, Gnesin Jazz e altri.
Legata alla musica russa e all’improvvisazione la pianista si racconta:
“Molti anni fa mi resi conto di conoscere molto bene il jazz americano
ed europeo, ma di non sapere pressochè niente su come i musicisti della
mia nazione avessero arricchito, o potessero arricchire, il jazz con la
loro cultura. Avevo ovviamente studiato i grandi compositori classici (e
l’importanza delle loro opere) come Tchaikovsky, Rachmaninoff,
Stravinsky e Shostakovich, che, a loro volta, avevano “esplorato”
l’identità e la filosofia russa sulle tracce di geni come Tolstoj,
Dostoevsky, Bulgakov, Cechov etc. A un certo punto mi resi conto che il
jazz e la cosiddetta “anima russa” avevano molto in comune.
Contemporaneamente continuai le mie ricerche sull’improvvisazione jazz e
lo studio di linguaggi musicali moderni.
Da allora il mio scopo è stato quello di trovare un modo di fare musica
che conciliasse tutte queste tradizioni e questi concetti…Musica Russa
con Improvvisazione.Ho fondato il mio gruppo,“Live People Ensemble”, a
Mosca nel 2005. Suoniamo principalmente mie composizioni e alcuni
standards del jazz riarrangiati in modo particolare. Registriamo per
Fancymusic, un’etichetta indipendente dedita alla musica contemporanea
originale. Nel 2013 abbiamo pubblicato i primi due album (“The Movement”
e “The New Cities”); verso la fine del 2015 è uscito il terzo cd,
intitolato “Planes”, che è stato accolto con grande favore e interesse
dalla critica ed incluso nella lista di album del 2015 da Europe Jazz
Media. Sono sicura che la nostra musica, raffinata e profonda, non possa
lasciare indifferente gli appassionati di jazz contemporaneo.
La musica di Natalya è articolata, sorprendente, immaginifica, onirica,
viscerale…tradizione russa, improvvisazione contemporanea, groove
profondo. La musica del Live People Ensemble è originale, sincera,
riflessiva e ispirata.
Considerata una delle più importanti pianiste jazz europee arriva al BJC
dopo la data al Jazz Club di Torino per un concerto che si preannuncia
imperdibile.