Il Due Laghi Jazz Festival, tra colline moreniche, laghi, castelli e, all’ombra della Sacra di San Michele, compie, con l’edizione 2018, il suo primo “quarto di secolo”, coinvolgendo, accanto alla Città di Avigliana, i territori limitrofi di Almese e Condove. Un notevole traguardo per la manifestazione – promotrice e nucleo strategico del network regionale Piemonte Jazz, brand d’eccellenza di un territorio ricco d’arte e cultura – che, per celebrare la sua 25a edizione, presenta un’intensa settimana di musica, con un programma d’eccezione.

Fra gli eventi di spicco in Piazza Conte Rosso, il ritorno sul palco centrale di due “guests of honour”, due straordinari musicisti amici del Festival. Tra i più grandi artisti del jazz contemporaneo, il trombettista Tom Harrell, sarà l’ospite d’onore del quartetto all star diretto da Luigi Tessarollo e dal sottoscritto – con Aldo Zunino al contrabbasso e Greg Hutchinson alla batteria, venerdì 31 agosto.

L’altro momento celebrativo dell’anniversario è costituito, sabato 1 settembre, dal ritorno dell’Italian Sax Ensemble, formazione che esordì proprio ad Avigliana, con un progetto esclusivo presentato in una delle prime edizioni; ospite del gruppo il grande trombettista Dusko Gojkovic, Cavaliere delle Arti in Serbia, sua patria natale, noto come uno tra i musicisti europei più importanti sulla scena mondiale. New entry della manifestazione, il newyorkese Joe Magnarelli, tra i principali trombettisti internazionali della scuola hard bop contemporanea. Joe approda al Festival giovedì 30 agosto accompagnato dal quartetto Ferri-Thomas-Caps-Adams.

Il programma sarà completato, venerdì 24 agosto, dal concerto di apertura, in Almese, del quintetto “French’ment Jazz”, guidato dalla vocalist d’oltralpe Kristin Marion che presenta e interpreta, in lingua francese, un repertorio di standard e brani originali composti dalla stessa artista. Sabato 25, presso il Giardino delle Donne, in Piazza Conte Rosso ad Avigliana, ascolteremo uno tra i più affermati giovani vocalist italiani, Walter Ricci con il suo organ trio che aprirà la sezione del Festival dedicata alla didattica – quest’anno, infatti, dal 25 al 28 agosto, il Festival ospiterà i laboratori sulla voce “The Art of Jazz Voice”, proposti da Walter Ricci ed Elisabetta Prodon -, con saggio finale degli allievi nella sera di martedì 28, sempre presso il Giardino delle Donne. Mercoledì 29 agosto, la manifestazione si sposterà a Condove, con il concerto della JCT Big Band diretta da Valerio Signetto. Aperitivi musicali e jam session notturne, accenderanno e concluderanno le notti jazz della Valle, mentre la mostra fotografica “25th Anniversary – The Avigliana Jazz Legacy” documenterà, in Santa Croce, i momenti salienti di questi indimenticabili anni di grande Jazz.
Fulvio Albano
Direttore artistico

Quindici giorni di appuntamenti al Café Neruda di Torino

Tutte le informazioni e gli aggiornamenti sulla pagina FB del Café Neruda

Per celebrare gli 85 anni di Quincy Jones, vera icona della musica, Umbria Jazz ha organizzato una festa di compleanno in forma di concerto.
Trombettista jazz, compositore, arrangiatore, produttore, direttore musicale, autore di colonne sonore per cinema, teatro e televisione, titolare o responsabile di case discografiche, attore: una carriera incredibile che ha fatto di “Q” una icona dello spettacolo, non solo della musica, e uno degli intellettuali afroamericani più rispettati e influenti di sempre. [leggi qui la presentazione di Umbria Jazz]
Prima della serata sul palco di Umbria Jazz Fulvio Albano, direttore della Torino Jazz Orchestra e vicepresidente di Piemonte Jazz, ha incontrato l’artista.

Chiude, con i due concerti del “TT Jazz Collective” in Trentino del 25 e 26 luglio 2018 il primo ciclo di restituzioni spettacolari dell’attività di residenza artistica di Piemonte Jazz, frutto del gemellaggio con Trentino Jazz.

Il ciclo, che si è aperto con le residenze artistiche di progettazione e prove in Trentino e in Piemonte nell’estate-autunno del 2017, ha messo in scena quattro concerti tra la tarda estate 2017 e l’inverno 2018: Castel Thun, Lasino, Valenza (Jazz Club Valenza) e Torino (Jazz Club Torino) Sono stati anche prodotti tre video realizzati in Piemonte (presso ONLYMUSICSTUDIO) del concept-concert Like Sonny!“.

Il progetto ha realizzato curati ed originali arrangiamenti del repertorio di Sonny Rollins, nume tutelare del jazz mondiale, in una rilettura appassionata e contemporanea, con l’intenzione di promuovere la progettazione musicale di alto profilo e la collaborazione tra musicisti geograficamente lontani.

TT Jazz Collective | Airegin

TT Jazz Collective | No Moe

TT Jazz Collective | Oleo

Care amiche ed amici del Consorzio Piemonte Jazz,
cogliamo l’occasione delle prossime ferie estive, per chi le farà, per augurare a tutti voi un periodo di serenità e di riposo.
Noi saremo attivi durante l’estate e vorremmo segnalarvi alcuni appuntamenti.
Il primo, in ordine di tempo è Jazz Around The Clock di Lanzo Torinese, con i concerti del 13 luglio a Ciriè e del 21 luglio a Lanzo . Poi, ad agosto, sarà la volta delle Vie di Jazz a Boves e, infine, dal 24 agosto al 2 settembre appuntamento con la 25sima edizione del Due Laghi Jazz Festival di Avigliana.
Ma, notizia importante, vorremmo iniziare a lavorare alla nuova edizione del Piemonte Jazz Festival, coinvolgendo tutti voi e ampliando i nostri orizzonti a nuove piazze sparse nelle ex provincie del Piemonte. Il festival vorrà essere un aiuto e una vetrina a quanto già si fa ed un mezzo di rilancio del jazz in Piemonte, anche tentando di ridare vita a location storiche che si sono un po’ perse.
Contiamo quindi sulla vostra adesione e partecipazione attiva al progetto.
A presto
Il Direttivo PJ

Gli appuntamenti del mese di luglio al Café Neruda
Per info https://www.facebook.com/cafeneruda.torino/

Doctor in Jazz presenta venerdì 29 giugno sul palco del San Sil di via delle Rosine a Torino alcuni dei brani del suo primo cd, rispolverando un repertorio incentrato sull’inimitabile Charlie “Bird” Parker riscoprendo brani poco noti e ancor meno suonati.
Non solo Parker, però. Tutto il repertorio verte sullo stile be-bop e mainstream, che ebbe nel grande saxofonista un indiscusso campione: un felice esempio di quel genere e di quel periodo del jazz.
Il quartetto Doctor in Jazz, composto da grandi interpreti del jazz italiano con alle spalle importanti collaborazioni a fianco di musicisti di fama internazionale, ha riscosso un grande successo di pubblico e di critica all’ultima anteprima del TJF 2018.
Gorlier, Miele e Diaferia sostengono e contribuiscono al solismo del “parkeriano” Danilo Pala, ovviamente al sax alto.

Dal jazz alla musica antica e di contaminazione, dall’improvvisazione all’elettronica all’uso di nuovi strumenti elettroacustici. Tutto inserito in uno scenario mozzafiato di natura libera ed incantata, di aria pulita, di condivisione e di dialogo attraverso la musica ed oltre.

Quest’anno il festival di CHAMOISic arriva alla sua nona edizione e dal 20 luglio al 5 agosto “contamina” ben sette comuni della Valle d’Aosta. Il linguaggio musicale è declinato verso il jazz accentuando lo stile che CHAMOISic ha proposto in tutti questi anni, tra standard e sperimentazione.

CHAMOISic è l’unico (free) festival italiano che colloca musica sperimentale, elettronica e jazz in un contesto naturalistico davvero d’eccezione: infatti Chamois (Ao), a 1815mt nella valle del Cervino, è l’unico comune d’Italia in cui le auto non possono circolare, raggiungibile in funivia.

Tutte le info sul sito del festival